Quando ho visto per la prima volta Annachiara sul palcoscenico è stato a metà novembre del 2017 nello spettacolo “Il mio secolo non mi fa paura”. Mi ha conquistato la sua voce, la sua capacità di riempire il palcoscenico. Pur essendo un monologo con un testo complesso, lei ha saputo farlo arrivare al pubblico con la sua naturalezza. Tenendo con il fiato sospeso. E poi non posso fare a meno di pensare alla notte del 5 maggio: Ci sono cose che l’arte sa dire. Dove Annachiara è stata anche conduttrice radio. Ammiro il suo coraggio nell’affrontare le nuove esperienze. Il sorriso, la spontaneità e la capacità che ha avuto di legare i diversi momenti della lunga notte. Quando lo scorso inverno ho provato a fare una cosa importante per la mia vita, l’ho sentita vicina. Con la sua generosità e sensibilità. Perché Annachiara non è solo un’ attrice talentuosa ma è anche una bella persona che sono felice di avere incontrato. 

Giulia Schettini

Una voce riempie il palcoscenico