Un’amicizia e un sodalizio professionale che dura da anni, in un crescendo di scambi, scoperte e intuizioni. Certo in questo modo posso definire il lavoro di Annachiara Mantovani, ma è riduttivo.
Ancora ricordo la sera in cui ci siamo conosciute ad una festa alla quale sarei dovuta andare con un’amica comune che però non venne e mi ritrovai a casa di sconosciuti a bere e festeggiare. Fu lì che incontrai questa giovane donna che mi parlava del suo lavoro in modo così appassionante che non potei non capire il talento e la tenacia di chi aveva chiara quale fosse la sua identità artistica.

Mi invitò subito a partecipare ad un progetto, mi travolse e mi spinse a cimentarmi ancora in qualcosa che apparteneva anche a me. La polvere del teatro di cui eravamo entrambe intrise, per cultura, formazione ma soprattutto passione. Cominciammo così la nostra collaborazione fatta di scambio, di rispetto e di stima reciproca. Attraverso continui cambiamenti personali e professionali, abbiamo fatto evolvere i lavori teatrali così come sentivamo il cambiamento dentro di noi. Abbiamo assecondato il nostro sentire e abbiamo approfondito ognuna degli aspetti del teatro che erano nelle nostre corde…. tutt’oggi ci muoviamo con grande libertà, rispettando ognuna la sensibilità dell’altra, nelle scelte e nelle fasi di lavorazione.

Con più precisione la definirei un uragano che coinvolge chiunque le stia accanto con il suo entusiasmo e professionalità, la sua determinazione e la  passione per questo nobile mestiere dell’arte.

Rossella Napolano

Entusiasmo e professionalità